Dimissioni Segretario Circolo PD New York – Convocazione Congresso di Circolo: Venerdì 2 Ottobre 2015 – 19:00

Care democratiche, cari democratici,

nel corso degli ultimi 18 mesi ho avuto il piacere di ricoprire l’incarico di Segretario del nostro Circolo PD di New York. Fino a oggi questa è stata un’esperienza molto importante e di grande valore politico e umano. In questo periodo ho maturato una maggiore consapevolezza del contributo che noi Italiani residenti all’estero possiamo apportare al dibattito di rinnovamento sociale, economico e culturale del paese. Questi mesi sono poi stati un’occasione unica per incontrare molti nuovi amici che hanno arricchito la mia permanenza a New York e mi hanno fatto comprendere molto di più la complessità dell’emigrazione italiana di questi ultimi decenni.

Questa esperienza è per me giunta a conclusione. A seguito di un trasferimento lavorativo a Washington DC alla fine di settembre dovrò con rammarico lasciare il mio incarico di Segretario di Circolo PD di New York. La Segreteria, nelle persone di Elena Luongo, Presidente, e di Alice Vezzaro, Tesoriere, eccellenti compagne di questa esperienza politica, mi hanno già informato che intendono rinnovare la loro presenza in Segreteria di Circolo.

Le mie dimissioni da Segretario danno quindi seguito alla necessità della chiamata a Congresso di Circolo.

La Segretaria del Circolo vi da quindi appuntamento per il p.v. Venerdì 2 Ottobre 2015 alle 19.00, presso la sala al 25 Carmine Street – New York, 10014, per la presentazione delle candidature a Segretario di Circolo e per le operazioni di voto per eleggere il nuovo Segretario.

Invito fin d’ora iscritti e simpatizzanti a considerare l’opportunità di presentare la loro candidatura e di formalizzarla con l’invio di una mail al nostro indirizzo email di Circolo: circolopdnewyork@gmail.com entro il p.v. Venerdì 25 Settembre 2015 alle ore 19.00 EST. Le candidature che saranno arrivate entro la scadenza saranno inviate alla mailing list degli iscritti e dei simpatizzanti come comunicazione della Segreteria del Circolo.

Per le operazioni di voto si ricorda che potranno votare gli iscritti al Circolo PD New York che risulteranno tesserati al Circolo per il 2015 al momento del voto.

In conclusione lasciatemi ringraziare tutti gli amici con cui ho avuto il piacere di collaborare all’interno della Segreteria degli Stati Uniti, da primo il nostro Segretario di Paese, Sergio Gaudio, e poi tutti i Segretari dei Circoli sparsi nel vasto territorio statunitense.

Un grazie va a tutti gli iscritti, simpatizzanti e ospiti del Circolo PD di New York, e uno speciale a tutte le persone che a vario titolo mi hanno aiutato a New York nella gestione delle attività del Circolo: Stefano Albertini, Giuseppina Azzolini, Lucina Di Meco, Gianluca Galletto, Mico Licastro, Elena Luongo, Silvana Mangione, Silvia Minguzzi, Walter Tonelotto, Alice Vezzaro e Enrico Zanon. Cari amici mi auguro che le nostre strade si incontreranno ancora in futuro!

A tutti confermo che con piacere continuerò a collaborare con il PD USA dal momento che manterrò l’incarico di vice segretario di Paese.

Vostro,
Andrea Mattiello

Advertisements

Come sarà la nuova scuola? – Teleconferenza – Sabato 25 Luglio 2015 – inzio ore 1 pm EDT / 7 pm Italia

11214227_1000857936625392_2996675416864402529_n

Cari iscritti,
vi ricordo l’appuntamento sulla riforma della scuola, di domani, sabato 25/7  dalle 19 alle 20 italiane (10 am Pacific Time/13 pm Eastern Time), con l’on. Simona Malpezzi.
L’incontro e’ aperto a tutti e si svolgera’ in teleconferenza con la presenza di circoli anche dall’estero degli USA.
Per accedervi:
1) andare al link: https://global.gotomeeting.com/join/138110741;
2) inserire il codice di accesso: 138-110-741.
Alla fine degli interventi previsti, sara’ possibile fare domande direttamente all’onorevole, facendone previa richiesta e chiedendo la parola sulla chat.
Cercheremo di soddisfare tutte le richieste che perverranno.
Fornisco anche il link di riferimento della Camera per avere informazioni sui contenuti del ddl: http://www.camera.it/leg17/522?tema=il_disegno_di_legge_di_riforma_della_scuola
Un caro saluto e spero di vedervi numerosi all’incontro,
Sergio Gaudio – Segretario PD Stati Uniti

Picnic Democratico – 27 Giugno – 11 am – Central Park

 

 

 

picnicdemocraticoCare amiche e cari amici,

Il prossimo sabato 27 giugno dalle ore 11.00 il Circolo PD New York ha il piacere di darvi appuntamento a Central Park per in nostro primo Picnic Democratico a Central Park.

L’appuntamento è per le 10.30 sul retro del Delacorte Theatre – info a questo link. Occuperemo poi con dei blanket un’area del Great Lawn. Il picnic sarà realizzato con in contributo di chi vi parteciperà. Quindi ognuno porti da mangiare e da bere qualcosa da condividere.

Se ​due giorni​ prima le previsioni del tempo daranno pioggia battente per il giorno del picnic, l’appuntamento diventerà un brunch al Tavern on the Green – info a questo link – sempre a Central Park. Inizio brunch alle 11.30

Per questo motivo se intendete partecipare per favore fate RSVP a questa mail entro il 20 giugno per la conta dei partecipanti e la prenotazione per l’eventuale brunch.

In occasione del picnic, o dell’eventuale brunch sarà possibile tesserarsi al Circolo PD New York per l’anno 2015.

Il contributo per la tessera per il 2015 è di 20$

Un particolare ringraziamento alla bravissima Silvia Minguzzi per la realizzazione della grafica!

Circolo PD New York incotra Eugenio Marino

New York, Venerdì 5 giugno 2015, 8 pm

presso il Club di S.Cono di Teggiano Club, 231 Ainslie St, Brooklyn, 11211-4911

Il Circolo PD di New York incontra Eugenio Marino per la presentazione del suo libro
Andarsene Sognando. L’Emigrazione nella canzone italiana – Cosmo Iannone Editore

Andarsene_sognando_copertina

Saluti
Andrea Mattiello, Segretario PD New York – Rocco Manzolillo, Presidente del club San Cono

Modera
Elena Luongo, Adjunct Faculty alla Adelphi University e Presidente PD New York

Relatore
Giuseppe Perricone, Professore alla Fordham University

Ospite
Eugenio Marino, Responsabile PD Italiani nel Mondo

Info: circolopdnewyork@gmail.com

Quale democrazia per il XXI secolo? – Incontro con Massimo Tommasoli

Mercoledi’, 22 Aprile, ore 6 pm
25 Carmine Street (Manhattan), New York
 
Quale democrazia per il XXI secolo?
Incontro con Massimo Tommasoli, Osservatore permanente presso l’ONU dell’International Institute for Democracy and Electoral Assistance – IDEA.
140107
Il Dr. Tommasoli e’ autore di numerose pubblicazioni sulle politiche di cooperazione internazionale, sul ruolo della democrazia nei settori di pace e sicurezza, sviluppo e dei diritti umani,  e parlerà sui vari modelli di democrazia oggi usati, del suo lavoro con le Nazioni Unite, come direttore dell’Unità di Governance e prevenzione dei conflitti nel Development Cooperation Directorate dell’OCSE; ha lavorato per la DGCS del Ministero degli Esteri Italiano e per l’Unesco, ed ha svolto ricerche in Africa orientale, in America Latina e in Russia.
 
Ulteriori informazioni circa l’attività del Dr Tommasoli possono essere trovate a questo link: http://www.massimotommasoli.com/p/massimos-profile.html
 
L’incontro sarà moderato da Mico Licastro – Responsabile Organizzazione della Segreteria del Partito Democratico Italiano negli USA e membro del Board of Directors dell’associazione Italian Heritage and Culture Committee of New York, Inc.
 
Se intendete partecipare all’incontro per favore fate RSVP a questo indirizzo mail: mico.licastro@verizon.net

Documento aperto sulla Forma Partito – proposta PD USA

Questa prima bozza sulla forma partito rappresenta il contributo del PD USA  al dibattito in corso nel Partito Democratico sul rinnovamento dell’organizzazione del PD. Invitiamo i vostri commenti e riflessioni su questa prima bozza del documento, sia come commento a questa pagina,  sia a questa pagina del sito del PD USA, sia sul forum del PD USA.

Scarica il documento qui: Forma Partito – Proposta PD USA

Forma partito – Il Partito Democratico Estero: riflessioni generali, principi e proposte

Riflessioni generali
Nel quadro politico attuale in Italia, il Partito Democratico sta dimostrando di essere lo schieramento che offre maggiori garanzie di solidità e affidabilità. Inoltre il Partito Democratico rappresenta una proiezione verso il futuro con offerte innovative (come le primarie) per la partecipazione di iscritti e simpatizzanti alla gestione trasparente del partito e all’articolazione di proposte legislative innovative e solidali verso l’interesse di tutti i cittadini.
Questo è dovuto a una strategia politica di costante ascolto e risposta al cambiamento, strategia che si fonda sulla costante necessità di valutare e di re-indirizzare la stessa Forma Partito. La strada per il progresso della forma partito è ancora in divenire e deve necessariamente saper generare strategie alternative, trovare nuove sintesi in grado di tradurre in azioni politiche le molte istanze e direzioni di rinnovamento suggerite dalla base del partito e dalla società civile, sia in Italia, sia nel mondo, dal momento che nel PD è forte la convinzione che un futuro di prosperità del Paese ha senso solo in Europea e in costante interazione con il resto del Mondo.

In questa prospettiva il contributo propositivo dei Circoli PD all’estero non solo diventa importante, ma anche fondamentale per una piena mondializzazione delle idee, dei linguaggi e delle proposte del Partito Democratico. Centrale allora è stabilire una struttura efficace per il dialogo e la comunicazione, da e verso l’Italia, di tutti i contributi che vengono generati dai iscritti e simpatizzanti all’estero. Questi contributi sono una grande risorsa e devono poter essere meglio raccolti, accordati e messi a sistema da parte del Partito Democratico per influenzare un’azione politica utile e al servizio della crescita del Paese.

Il PD estero può funzionare come un grande laboratorio per promuovere riflessioni, idee e azioni ma ci deve essere un vero coordinamento tra PD estero e PD nazionale, tanto per lo scambio su questioni tematiche, quanto per la generazione di informazione politica per i democratici in Italia e all’estero. Solo in quest’ottica di coordinamento il PD estero deve diventare sempre di più un punto di riferimento per chi guarda alla vita politica Italiana con la passione e la voglia di dare un contributo da lontano perché il Paese continui a essere una grande attore politico ed economico mondiale.

Quanto segue è il frutto del dibattito intrapreso dal Partito Democratico degli Stati Uniti. Per una discussione generale, rimandiamo al documento elaborato dal Partito Democratico di Bruxelles, di cui condividiamo l’impostazione.

Principi

I principi sui quali noi del PD Stati Uniti pensiamo si debba prestare attenzione per la definizione della futura forma partito sono in sintesi riassumibili in questi punti:
1. Figura e ruolo del Responsabile PD Estero;
2. Forma e ruolo della rappresentanza della delegazione esteri negli organi di partito;
3. Forma, ruolo e processi della vita democratica on line.

Questi tre principi sono definiti e discussi nel successivo paragrafo dove vengono affrontati in relazione alle nostre proposte. Queste proposte mirano a sfruttare pienamente l’enorme risorsa rappresentata dal Pd estero, presente nei 5 continenti e con la possibilità di attingere alle risorse notevoli e alle esperienze dei connazionali all’estero.

Il PD Nazionale, insieme al PD Estero, può così costruire una vera classe politica dirigente che provenga dalle comunità dei residenti in Italia e nel Mondo, mettendola in rete a vantaggio della crescita democratica, economica e sociale del Paese.

Proposte

1. Rappresentante PD Estero

Il Responsabile del Pd Estero, deve continuare a essere di nomina del Segretario Nazionale, ma deve far parte della Segreteria Nazionale; deve altresì essere invitato permanente senza diritto di voto, alla Direzione Nazionale.

Inoltre, il Responsabile PD Estero deve avere un ruolo di coordinamento e facilitazione dell’attività dei Circoli PD nel mondo e della comunicazione tra questi e la Direzione Nazionale del Partito. Deve garantire la comunicazione e il costante aggiornamento dei Delegati Esteri in Assemblea Nazionale e dei quattro Membri Esteri in Direzione Nazionale. Questi ultimi, i quattro Membri Esteri in Direzione Nazionale, devono costituirsi come Comitato PD Estero del quale il Responsabile PD Estero deve assumere la Presidenza. Sul Comitato PD Estero si veda quanto discusso al paragrafo 2.

All’interno della Direzione Nazionale i quattro Membri Esteri devono farsi portavoce delle esigenze e delle istanze della comunità italiana residente all’estero, portare in modo costante all’attenzione del PD Nazionale le proposte, i contribuiti e le problematiche degli italiani residenti all’estero. A sua volta, rispetto ai circoli all’estero, il Comitato (Reponsabile Mondo e i quattro Membri Esteri) ha il dovere di informare in modo sistematico delle decisioni e delle direzioni del partito, consentendo di dare una direzione politica più chiara delle federazioni all’estero.

Il Responsabile PD Estero deve inoltre indire on site, in un luogo preciso, o on line, o con modalità mista, almeno una volta l’anno, o su particolati ordini del giorno promossi dal Comitato Estero, un’assemblea dei circoli e dei segretari Paese, con un’agenda definita, in modo da riportare le problematiche delle comunità e per una discussione politica più ragionata sia in ambito internazionale sia rispetto alle questioni nazionali.

2. Rappresentanza della delegazione esteri negli organi di partito: Assemblea Esteri e Comitato Estero

Il PD degli Stati Uniti constata come l’Assemblea Estero non sia ancora riuscita a esprimere contestualmente all’attuale segreteria i suoi rappresentanti esteri in Direzione Nazionale.

L’assemblea del Pd estero deve essere mantenuta e messa in condizione di poter operare e lavorare secondo nuove formule: se non è possibile il rimborso spese, tuttavia esistono mezzi di comunicazione tali per cui non è necessaria la presenza fisica. I mezzi migliori costano poche centinaia di euro e risultano affidabili. Deve essere quindi possibile che la riunione possa svolgersi in videoconferenza; programmi largamente utilizzati come gotomeeting, permettono videoconferenze fino a centinaia di membri. Allo stesso modo il voto deve poter essere espresso in videoconferenza o in modo telematico.

Per questo motivo si ritiene di ridefinire le procedure dell’Assemblea Estero e di affiancare a questa un Comitato Estero formato da cinque membri, i quattro Membri dell’Assemblea Estero in Direzione Nazionale e il Responsabile PD Estero. Questi quattro Membri dell’Assemblea Estero in Direzione Nazionale verranno eletti, uno per Circoscrizione Elettorale Estero, durante le primarie di Partito. Questa elezione diretta dei membri in direzione, tramite primarie, si ritiene necessaria per le peculiarità della circoscrizione estero. L’ampiezza della circoscrizione infatti rende molto difficile poter conoscere tutti i membri dell’assemblea esteri con conseguenti problemi di funzionamento dell’assemblea e difficoltà di collaborazione. Inoltre, ogni ripartizione tende a agire come entità autonoma e a tal fine dovrebbe essere dotata di uno (o più) specifico rappresentante in direzione.
Per l’elezione dei membri in direzione, proponiamo quindi una delle seguenti opzioni:

• Ai fini di conservare la parità di genere nella direzione, il numero dei membri della direzione estero è aumentato a 8, invece degli attuali 4. Le liste delle mozioni sono preparate seguendo l’alternanza di genere. I membri eletti sono quindi due per ognuna delle quattro ripartizioni, e sono i primi due (m/f) della mozione che ha ottenuto più voti in quella ripartizione.
• I membri della direzione sono quattro, uno per ripartizione elettorale e vengono eletti conservando la parità di genere. E’ eletto in direzione il capolista della lista che ha ottenuto più voti tra le quattro ripartizioni. Per le ripartizioni seguenti, si procede secondo il numero di voti ricevuti da ogni lista vincente in ogni ripartizione. Viene eletto il capolista se questo soddisfa la parità di genere, altrimenti viene eletto il secondo in lista per soddisfare la parità di genere (le liste devono essere preparate seguendo l’alternanza di genere).
• I membri della direzione sono quattro e vengono eletti sulla base di preferenze individuali. La persona che ottiene il numero più alto di preferenze (numero assoluto) in qualsiasi ripartizione all’interno delle lista vincente nella ripartizione viene eletta, di qualsiasi genere (m/f) sia. Per le ripartizioni seguenti, vengono via via eletti i 3 candidati che ottengono più preferenze (numero assoluto) all’interno delle liste vincenti nella ripartizione, nel rispetto dell’alternanza di genere.

Il Comitato Esteri così formato avrà un ruolo più fattivo, di rappresentanza, di indirizzo e di coordinamento dell’Assemblea Estero. In questo senso il PD degli Stati Uniti ritiene che:
2.a – siano riviste le procedure di convocazione dell’Assemblea Estero per cui si preveda la possibilità dell’Assemblea di riunirsi in modalità telematica in modo alternativo alla convocazione dell’Assemblea Nazionale, alla quale i delegati dell’Assemblea Estero devono poter continuare a partecipare con diritto di voto in via telematica;
2.b – sia fissato il quorum delle presenze al 20% dei delegati per rendere valide le riunioni dell’Assemblea Estero, sia quelle on site, in un dato luogo geografico, sia quelle on line, e sia quelle che comportano una presenza mista on site e on line;
2.c – qualora l’Assemblea Estero non potesse comunque riunirsi, sia prevista una procedura straordinaria di delibera dell’Assemblea Estero delegando il voto al Comitato Estero in Direzione Nazionale, formato dai quattro membri dell’Assemblea Estero in Direzione Nazionale e dal Rappresentante Estero. La delega si ritiene confermata se la maggioranza semplice dei delegati in Assemblea Estero non esprime parere contrario per via email all’indirizzo ufficiale del Rappresentante Estero entro una data e un’ora stabiliti dal Comitato Estero. Per queste email farà fede il giorno e l’orario dell’invio della email. In questa circostanza straordinaria il voto del Comitato Estero dovrebbe essere a maggioranza semplice.

3. Forma, ruolo e processi della vita democratica on line.

L’Assemblea Nazionale dovrà dotarsi di strumenti per consentire la possibilità di collegamenti attraverso piattaforme di comunicazione on line e web che consentano ai nostri rappresentanti di poter portare il loro contributo all’attenzione del partito nazionale. E’ una questione di partecipazione democratica rilevante, troppo spesso trascurata.

La partecipazione democratica attraverso un uso coordinato e assicurato della rete è un punto fondamentale per la vita non solo del PD Estero ma anche del PD Nazionale.

In questa prospettiva, riteniamo che, oltre ai mezzi più classici e standard, sia opportuno muoversi anche nelle seguenti direzioni delineate nei prossimi paragrafi.

3.a Sistema trasparente della iscrizioni.

Per facilitare la vita democratica on-line e favorirne la trasparenza, soprattutto all’estero, è assolutamente necessario che il partito si possa dotare di un sistema iscritti su scala nazionale telematico centralizzato. Suggeriamo a questo proposito una procedura indicativa: ogni segretario di circolo, dopo verifica dell’identità, viene dotato di un username/password. Il segretario di ogni Circolo, tramite collegamento certificato con username/password del segretario, dovrà al momento dell’iscrizione di ogni singolo iscritto, inserire immediatamente i dati dell’iscritto nel sistema nazionale telematico con il database degli iscritti. Per questa procedure l’iscritto dovrà esibire con copia del documento di identità dell’iscritto (anche foto documento in pdf o jpg su smartphone sono considerate prove d’identità). Questo permette di avere un registro ufficiale aggiornato continuamente. Gli iscritti potranno anche registrarsi singolarmente via web come già avviene oggi, inclusa l’opzione di scelta a quale Circolo iscriversi; in questo caso, una email deve essere mandata immediatamente dal sistema telematico al segretario di circolo che potrà verificare l’identità dell’iscritto tramite invio copia documento d’identità. La tessera dovrebbe poi essere personalizzata e stampata col nome dell’iscritto e inviata direttamente dalla sede centrale, questo permetterebbe di evitare di avere tessere vuote che possano essere perse e usate in maniera illecita. Il sistema di tesseramento per il 2015 sembra vada già in questa direzione con tessere personalizzate e ricaricabili inviate ai circoli all’inizio dell’anno; per i nuovi iscritti si propone l’emissione di un certificato di iscrizione provvisorio, inviato direttamente dalla sede centrale via email, per esempio in formato pdf, mentre le relative tessere ricaricabili, per i nuovi iscritti, potranno essere spedite in blocco all’inizio dell’anno successivo. Ogni iscritto viene dotato di username/password che potrà usare per visualizzare l’elenco degli iscritti al circolo. Il segretario avrà un accesso superiore che permette anche di poter visualizzare, in qualsiasi momento, tutti i dati degli iscritti al circolo. Inoltre è auspicabile un tesseramento che cominci immediatamente il primo gennaio del nuovo anno.

3.b Apparato web

Il Partito Democratico dovrebbe dotarsi di un apparato web sicuro e protetto, cosicché gli iscritti, ma anche in forme differenti i simpatizzanti, possano, a prescindere dalla loro localizzazione geografica, partecipare al dibattito e alla vita politica del partito. Attraverso account registrati individualmente con username e password, protetti e certificati, iscritti e simpatizzanti, a diverso titolo, potranno accedere alla redazione di proposte politiche e alla votazione di temi e questioni proposte dal Partito Nazionale, Provinciale o di Paese, o da altri Circoli che volessero proporre temi e materiali per la discussione aperta. Il tutto dovrebbe essere moderato e coordinato da un’infrastruttura di Information Technology sotto il controllo e la vigilanza di un garante attivo a livello di Partito Nazionale.

3.c Circoli in rete

Sarebbe auspicabile che tutte le informazioni, compresi gli atti dei circoli vengano inclusi all’interno di un Sistema Informativo.

Attraverso questa rete, si rende necessaria la costruzione di una banca dati dove i circoli inseriscano le loro attività e le loro proposte da sottoporre agli iscritti e agli organi dirigenti del Partito e dove è possibile creare le condizioni per organizzare insieme ad altri circoli attività d’interesse comune sia nello stesso territorio che in luoghi più distanti.

Lo stesso database deve costituire il primo posto dove i circoli possano rivolgersi, postando e creando dei forum per la risoluzione dei loro problemi. Le soluzioni diventano di dominio pubblico consentendo ai circoli una maggiore e più proficua attività politica.

I circoli devono aver la possibilità di espandersi in maniera virtuale, soprattutto quelli che si costuiscono all’estero e che per necessità sono costretti a organizzarsi anche su vaste aree geografiche. Questo significa dover essere in grado di raggiungere iscritti in località molto distanti tra loro e poter accettare iscrizioni on-line. E’ necessario, quindi, potersi dotarsi di moderni mezzi di comunicazione, e strumenti per la partecipazione on-line (skype, gotomeeting) in modo da creare dei veri e propri circoli dalla presenza mista, on-site e on-line.

Questa prima bozza del documento e’ stata elaborata da Sergio Gaudio (Segretario PD USA), Lucina Di Meco (Assemblea PD), Andrea Mattiello (Segretario PD New York), MIco Licastro (Responsabile Organizzazione PD USA), Christian Di Sanzo (Segretario PD San Francisco)

Il Ministro Dario Franceschini presenta verybello.it – Portale a tutti gli eventi culturali in tutta Italia per Expo2015Milano

Resoconto dell’incontro al Consolato di New York – 26 Febbraio 2015

Contestualmente al giro di presentazioni organizzate dalle Istituzioni Italiane presenti negli Stati Uniti per promuovere Expo2015Milano, il 26 Febbraio l’On. Dario Franceschini, Ministro per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, ha presenziato a un evento presso il Consolato Generale di New York.

Dopo una esaustiva introduzione da parte di Piero Galli (Event & Entertainment General Director di Expo2015Milano) che ha illustrato la programmazione degli eventi della fiera internazionale in quest’occasione dedicata al cibo, secondo le molteplici declinazioni del cibo come nutrimento ed energia del pianeta, il Ministro Franceschini ha illustrato le numerose iniziative culturali in programma su tutto il territorio italiano che il Ministero ha realizzato con la collaborazione di Expo e di molti altri partner pubblici e privati. Tutte le informazioni relative agli eventi culturali possono essere trovate a questo link: verybello.it

IMG_4701

Il programma di eventi curato dal Ministero ha come principio fondante la specificità del patrimonio italiano inteso nella sua grande poliedricità culturale e nella sua natura di grande differenziazione geografica. Dal sito web verybello.it è possibile consultare eventi culturali in programma durante i mesi di apertura di Expo2015Milano in tutte le 20 regioni italiane e in tutti gli ottomila comuni italiani. Il programma di eventi raccolto dal Ministero mappa quindi la specificità della produzione culturale italiana mostrando come essa sia diffusa capillarmente nel territorio e non concentrata in poche e singole grandi città. Ogni luogo d’Italia sarà quindi messo nella condizione di offrire uno o più eventi culturali adatti al turismo internazionale che transiterà in Italia in occasione dell’Expo.

Il viaggiatore che verrà a Milano per visitare i padiglioni di Expo2015Milano non solo quindi troverà una grande offerta in seno alla grande fiera mondiale, ma potrà prolungare il suo viaggio in Italia grazie anche alle molteplici offerte disponibili su tutto il territorio nazionale, sia nei grandi centri dell’arte Italiana, sia nelle migliaia di altre realtà culturali del paese ancora poco conosciute e scarsamente frequentate dal turismo internazionale.

L’operazione di raccolta, gestione e presentazione di tutte queste iniziative è di assoluta rilevanza per ridare vitalità al comparto del turismo in Italia, che pur essendo uno dei più importanti contribuenti al PIL del Paese, ancora soffre di scarsa organizzazione e della carenza di strategie nazionali comuni. Questa operazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo centra quindi un risultato importante: riesce a comunicare in modo unitario la pluralità del Paese, lasciando visibilità e riconoscibilità alle specificità regionali e provinciali che rendo così ricca e unica la vita culturale italiana.

IMG_4704

Il Ministro Franceschini ha sottolineato come l’Italia sia il paese dei quattromila e più musei, dei mille borghi medievali, di centinaia di siti archeologici, delle cento città d’arte, delle innumerevoli bellezze ambientali e paesaggistiche, una ricchezza infinita, un tesoro inestimabile in gran parte ancora poco conosciuti a livello internazionale. Per questo oltre ad aver promosso le grandi mostre organizzate a Milano e nelle città limitrofe dal Ministero insieme alla Regione Lombardia e al Comune di Milano, il Ministero ha raccolto oltre 1300 eventi in una piattaforma, ancora oggi aperta a contributi, eventi che organizzati per regioni e categorie di interesse potranno essere individuati nel calendario di verybello.it dai turisti che transiteranno in Italia in relazione ai luoghi e ai giorni della loro permanenza.

Per dare qualche numero: nei sei mesi di Expo2015Milano è possibile accedere a informazioni relative a più di 290 mostre d’arte, 205 eventi musicali e concerti, 90 serate d’opera, 124 spettacoli di prosa teatrale, 65 eventi di danza, 23 itinerari turistici che attraversano i luoghi meno conosciuti del nostro Paese, 95 festival, 79 eventi di cinema, 63 feste tradizionali, 75 eventi di jazz, 39 festival letterari.

Durante la presentazione a New York, il Ministro Franceschini ha sottolineato che “non c’è paese al mondo che possa offrire una così alta offerta culturale e turistica diffusa su tutto il territorio nazionale. Io penso che questa sia la grande forza italiana e penso che l’Expo sarà per molti visitatori stranieri una grande occasione per scoprire l’Italia, e per gli Italiani, un’opportunità per riuscire a vedere l’Italia con gli occhi ammirati con cui la vedono i viaggiatori che la visitano da tutto il mondo”.

Expo2015Milano con il suo ricco programma di eventi, è quindi un grande progetto per l’Italia per tornare a puntare su se stessa, ma anche per tornare a valorizzare il grande patrimonio di talenti, di creatività e di fantasia che ancora oggi contraddistinguono l’Italia nel mondo. Il Ministro Franceschini ha infatti ricordato che il Paese deve sempre di più investire nella tutela del suo patrimonio, ma allo stesso tempo deve cominciare a dedicare maggiore attenzione alla valorizzazione del contemporaneo insieme alla promozione di quello straordinario numero di talenti italiani che lavorano nella cultura in Italia e nel mondo e che devono sempre di più essere una grande risorsa su cui contare e su cui investire.

Tutelare il passato, valorizzare il presente e investire sul contemporaneo, insieme alla valorizzazione della diversità culturale, sono quindi i principi guida di questa grande operazione di coordinamento e comunicazione incarnata dalla iniziativa ministeriale del portale verybello.it, iniziativa che in fondo mira a investire in cultura, risorsa che, come sancito dall’articolo 9 della Costituzione Italiana, deve essere promossa e sviluppata dalla Repubblica operando da un lato per la tutela dei nostri beni culturali, e dall’altro per la promozione di nuovi e più significativi benefici economici che possano interessare, attraverso la produzione culturale, tutto il territorio nazionale. L’auspicio di chi scrive è che questa bella esperienza possa generare iniziative analoghe che durino oltre i limiti temporali di Expo2015Milano.

Andrea Mattiello – PD New York

Il PD USA presenta un contributo a YOUniversity.Lab – Roma – 26 Febbraio 2015

Marco Broccardo (Circolo PD San Francisco) presenta il contributo del PD USA a YOUniversity.Lab Giornata di ascolto e di confronto con il mondo dell’Università e della Ricerca

26 Febbraio 2015 – Sala Conferenze PD – Via Sant’Andrea delle Fratte, Roma

Potete seguire il contributo di Marco dal minuto 1:02:16 del documento video che trovate a questo link: http://www.youdem.tv/doc/275888/youniversitylab-terza-parte.htm

Screen Shot 2015-02-26 at 15.12.26

Alla redazione della presentazione hanno collaborato in ordine alfabetico:

Alessandro Biglioli, ingegnere (management consulting, Calgary)
Marco Broccardo, ingegnere (University of California, Berkeley, ETH Zürich)
Roberto Celi, ingegnere (University of Maryland)
Christian Di Sanzo, ingegnere (University of California, Berkeley)
Olga Epifano, biologa (NIH)
Giulia Fabozzi, biologa (NIH)
Claudio Fogu, storico (University of California, Santa Barbara)
Sergio Gaudio, fisico (University of California, Los Angeles)
Bruno Giacomazzo, astrofisico (Università di Trento)
Francesca Macchiarini, biologa (NIH)
Chiara Manzini, biologa (George Washington University)
Andrea Mattiello, storico (University of Birmingham, Art curator, New York)
Carlo Pietrobelli, economista (Univ. Roma Tre e IADB, Washington DC)

Per ulteriori informazioni:
web: http://partitodemocraticousa.it/il-pd-usa-presenta-un-contributo-a-youniversity-lab/
email: info@partitodemocraticousa.it

Gli USA un modello per gli Stati Uniti d’Europa?

Incontro con Gianni Pittella, Eurodeputato e Presidente del gruppo Socialisti & Democratici (S&D) al Parlamento Europeo

Gianni PITTELLA

Care Amiche e Cari Amici,

È con piacere che il Circolo PD New York e il Partito Democratico USA vi invitano a incontrare Gianni Pittella il prossimo Sabato 31 Gennaio alle ore 1.30 pm presso la sala al 25 Carmine St., New York, 10023.

L’incontro ci darà occasione per discutere con Gianni Pittella circa il progetto politico degli Stati Uniti d’Europa e il ruolo che l’Italia può avere in questo progetto. Parte della discussione verterà sul contributo che i cittadini europei migranti possono dare a questo progetto grazie alle loro esperienze sociali, economiche e culturali.

Sergio Gaudio, segretario del Partito Democratico USA, sarà presente e introdurrà l’incontro.

Per motivi organizzativi si prega di fare RSVP al seguente indirizzo: circolopdnewyork@gmail.com